Esercizi per superare ansia e attacchi di panico

ansia capire

Esercizi per superare ansia e attacchi di panico

Scrivo quest’articolo per il desiderio di comunicare ai miei lettori alcuni esercizi per riuscire ad affrontare ansia e attacchi di panico.

Partiamo da due assunti di base:

1- L’ansia e gli attacchi di panico non compaiono senza motivo. L’emergere dei sintomi si lega sempre a qualcosa che è accaduto o sta accadendo nella nostra vita.

2- L’ansia e gli attacchi di panico sono un modo che abbiamo per comunicare il nostro disagio sia a noi stessi che alle persone a noi vicine.

Ma quale disagio?

Questa è la domanda che molte persone che soffrono di ansia e attacchi di panico si pongono. Solitamente per l’individuo è difficile individuare qual’è la causa che scatena questa reazione nel corpo. Di seguito elencherò dei piccoli esercizi che ognuno di voi potrà facilmente eseguire per provare ad individuare la causa della propria ansia e quindi iniziare a divenire consapevole che reagire in maniera diversa di fronte a determinate situazioni può far la differenza.

Prendete un quaderno dove appuntare tutto quello che succede prima, durante e dopo un attacco di ansia o di panico. Scriveteci sopra queste domande che vi suggerisco e rispondete. E’ importante che lo facciate per iscritto. Vi sarà utile nel tempo rileggere le risposte che avete dato.

Le domande sono:

  • Quali sono stati i sintomi e le sensazioni che ho provato durante l’attacco d’ansia o di panico?
  • Chi era con me?
  • Sono stato compreso oppure sono stato ignorato dagli altri? L’attacco quali vantaggi e svantaggi mi ha provocato in relazione ai miei desideri e alla mia relazione con gli altri?
  • Cosa è successo poco dopo? Cosa mi ha permesso di tranquillizzarmi?
  • Cosa è successo prima dell’attacco? Dove ero? Con chi ero? Cosa stava succedendo? Si è tutto svolto come volevo o qualcosa che desideravo non si è verificato?

Ciò che è importante è osservare cosa è accaduto prima dell’attacco di ansia o di panico, come l’attacco si è sviluppato e cosa è successo successivamente.scrivere

Ogni volta che avete un attacco riprendete la pagina del quaderno dove avete scritto queste domande e rispondete sempre per iscritto. Fatelo per tre o quattro volte, quindi rileggete tutto e osservate cosa scoprite.

Provate a ricordate la prima volta che avete vissuto un attacco di ansia o panico e provate nuovamente a rispondere alle domande sopraelencate. Effettuate nuovamente un confronto con ciò che avete scritto sugli attacchi più recenti. probabilmente scoprirete qualcosa.

A partire da questi semplici esercizi scoprirete qualcosa in più su ciò che scatena gli attacchi di ansia o panico, ma essere consapevoli non basta.

Faccio un esempio. Immaginiamo che io sia una persona che difficilmente accetta le critiche. Ogni volta che mi sento giudicata piuttosto che sfogare la mia rabbia la trattengo per paura della reazione dell’altro. La rabbia inespressa provoca un attacco di panico e probabilmente una maggior comprensione dell’altro o degli altri intorno a me per la critica ricevuta. Ora sapere che i miei attacchi di panico compaiono ogni volta che ricevo una critica o che mi trovo con quella persona che io ritengo giudicante nei miei confronti non basta.

L’attacco di panico è innescato dal mio comportamento mal-adattivo alla situazione che vivo e alle sensazioni che provo

Cosa fare?

E’ importare a questo punto interiorizzare dei modelli di comportamento diversi in relazione alle situazioni temute.

Ritorno all’esempio di prima. Una persona mi critica ed io sto zitta. Cosa posso fare di diverso? Come posso tirar fuori la mia rabbia?

immaginareChiudete gli occhi e ritornate a qualche minuto prima che l’attacco di ansia o panico si attivasse. Ricostruite mentalmente la scena e provate ad individuare quali bisogni non avete ascoltato. Quindi ora immaginate di riviverla con un finale diverso dove voi vi esprimete liberamente in base a ciò che sentite. Osservate cosa fate, qual’è la reazione dell’altro, come vi sentite dopo averlo fatto. State un pò in questa fantasia e provate ad immagine tutto ciò che avviene dopo aver tirato fuori ciò che trattenete.

Molto spesso è possibile immaginare lo sviluppo della scena con immagini che da un lato ci permettono di esprimerci ma in una modalità che non approviamo. A questo punto possiamo provare ad immaginare di nuovo la scena dandone un nuovo sviluppo a noi più comodo. Nel caso in cui non dovessimo riuscirci possiamo condividere la stessa scena con altre persone a noi vicine, possiamo chiedere a loro come avrebbero affrontato la stessa situazione e quindi prendere spunto.

Concludendo, sono due i passaggi fondamentali da individuare per superare ansia e attacchi di panico:

  1. Focalizzare quale nostro disagio l’attacco esprime;
  2. Cosa possiamo esprimerci nella vita per dar voce alle nostre emozioni ed ai nostri desideri

Spero abbiate trovato interessante ed utile questo articolo. Se così fosse potete liberamente condividerlo o ribloggarlo.

Di seguito vi propongo alcuni link utili ad altri miei articoli per approfondire la tematica inerente ansia e attacchi di panico:

Come i disturbi d’ansia si manifestano e cosa li origina

Classificazione dei Disturbi d’Ansia: le principali forme attraverso cui l’ansia si manifesta

Paura di Volare: aviofobia

3 thoughts on “Esercizi per superare ansia e attacchi di panico

  1. Pingback: Ansia: sintomi, cause e trattamento | Dott.ssa Ilaria Rizzo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...